Negligenza Medica

I termini Negligenza o negligenza medica (aka negligenza clinica) sono usati per descrivere qualsiasi trattamento, mancanza di trattamento o qualsiasi altra deviazione dagli standard di assistenza medica accettati, che causano lesioni a un paziente, inclusa la morte.

Ogni giorno vediamo sui giornali nuovi casi sconcertanti di negligenza medica, a volte con risultati tragici. In questi eventi, è probabile che il cittadino rimanga indifeso.

Se tu o un membro della tua famiglia siete stati vittima di un errore medico in Italia, hai diritto ad essere risarcito! Il risarcimento può fornire i mezzi per iniziare a ricostruire la vita dopo un infortunio, sia per te che per la tua famiglia.

La legge italiana mira a rimetterti nella posizione in cui ti trovavi prima che si verificasse il danno. Ciò avviene tramite un risarcimento finanziario, con risarcimenti per danni calcolati per riflettere l'entità della tua perdita.

I nostri avvocati per negligenza medica possono aiutarti ad avviare una richiesta di risarcimento, se hai sofferto di uno dei seguenti problemi:

  • Ritardo nella diagnosi o diagnosi errata;
  • errori medici, trattamento scorretto, medicinali, consigli o prescrizioni;
  • Negligenza ospedaliera o maltrattamenti durante una visita in ospedale;
  • Negligenza chirurgica;
  • Negligenza in chirurgia estetica;
  • Negligenza alla nascita o fallimenti medici durante il parto;
  • Negligenza dentale;
  • Negligenza dell'ottico;
  • Errori, sviste o piccoli errori prevenibili.

_____ 

  • QUALE ERRORE MEDICO PUO 'ESSERE COMPENSATO IN ITALIA?

In Italia l'errore medico deriva da:

  • il fatto che il medico si sia discostato da tale comportamento tecnico o che si sia discostato da quelle regole di condotta che la maggioranza dei suoi colleghi avrebbe osservato nello stesso caso (imperizia - incompetenza);
  • far ignorare al medico i rischi a cui è esposto il suo cliente (cioè si sta dimostrando incapace di prevederli e quindi di prevenirli; imprudenza - imprudenza);
  • avendo il medico omesso, con il suo comportamento di abbandono, disinteresse e superficialità nei confronti del paziente, senza giustificato motivo, di effettuare quelle indagini o di attuare quelle terapie che la maggioranza dei suoi colleghi nelle stesse condizioni avrebbe attuato (negligenza - negligenza).

_____ 

  • DI CHI È RESPONSABILITÀ?

La responsabilità di tali errori può dipendere:

  1. sulla struttura ospedaliera, che non ha rispettato l'obbligo di monitorare l'operato dei propri dipendenti;
  2. da un professionista sanitario negligente;
  3. da un'équipe (medici e infermieri) che, pur consapevole dei limiti nella preparazione e nelle competenze di un particolare operatore sanitario, non ha denunciato la situazione (rendendosi connivente e corresponsabile);
  4. nel caso di una procedura eseguita da un medico in formazione, dal medico senior (tutor), che durante la specifica procedura ha la responsabilità di monitorare e, se lo ritiene necessario, interrompere la procedura e / o portarla personalmente a completamento.

Il medico, quando è responsabile, può subire alcune gravi implicazioni legali e le vittime hanno il diritto di avviare un reclamo per tutti i danni subiti.

A tal fine, la Legge italiana riconosce i danni risarcibili che rientrano nelle seguenti categorie: danni patrimoniali e non patrimoniali (ad esempio danni biologici / estetici, danni morali e sofferenze psicologiche).

Chiama ora il nostro team al numero +44 (0) 2071128022 per un primo consiglio gratuito riservato per negligenza medica sulla tua richiesta.

Per ulteriori informazioni leggere anche Termini per i reclami per negligenza medica in Italia

Condividi questo Articolo nei tuoi Social Media

CONTATTACI

PER MAGGIORI INFORMAZIONI O ALTRO