Contact us for a first Free Call +44 (0) 20 71 12 80 22 or info@theitalianlawyer.com

Per tutti i cittadini italiani residenti all’estero è prevista la possibilità di rientrare in Italia a seguito dell’emergenza coronavirus.

Il rimpatrio è consentito per i cittadini italiani che si trovano all’estero per motivi di lavoro, salute o assoluta urgenza (intesa come esigenza indifferibile e non risolvibile in loco).

Coloro i quali decidano di rientrare dovranno dimostrare in modo particolarmente circostanziato l’effettiva necessità ed indifferibilità del loro viaggio. Al riguardo, sono fondamentali le autocertificazioni (https://www.enac.gov.it/sites/default/files/allegati/2020-Mar/MODULO_RIENTRO_DA_ESTERO_28MAR20_%284%29.pdf) che i diretti interessati devono presentare per qualsiasi spostamento, a cominciare dalla partenza (ad esempio all’imbarco in aereo o nel traghetto), successivamente alle autorità di frontiera e, nei vari posti di controllo effettuati dalle forze dell’ordine sul territorio nazionale.

Si precisa che le autocertificazioni sono soggette a controlli incrociati e, laddove risultassero false o incongruenti, possono portare a sanzioni amministrative pecuniarie o, in certi casi, anche penali.

Chi ha necessità di rientrare in Italia ha, attualmente, le seguenti opzioni:

  • in aereo

In questo momento, è soltanto Alitalia ad operare un collegamento diretto con l’Italia sulla tratta Londra Heathrow – Roma Fiumicino (https://www.alitalia.com/it_it/fly-alitalia/voli-speciali/voli-speciali-gb.html).

  • in treno

È possibile raggiungere Parigi con Eurostar e proseguire per l’Italia con aereo, treno (via Nizza o Marsiglia) o altro mezzo (https://www.eurostar.com/rw-en/train/france/paris).

 N.B. Per transitare in Francia è fondamentale esibire l’apposita autodichiarazione che attesti uno dei motivi indicati dalle Autorità francesi. Il modulo è scaricabile qui.

  •  in auto

Diverse compagnie consentono di noleggiare un’auto nel Regno Unito e riconsegnarla in Italia attraversando l’Eurotunnel che è attualmente operativo. Si ricorda che per transitare in Francia è necessaria apposita autodichiarazione che attesti uno degli specifici motivi per i quali le Autorità francesi consentono il transito (v. sopra).

  • in nave

Al momento è possibile raggiungere la Francia attraverso il collegamento marittimo Dover – Calais (www.directferries.it/dover_calais_traghetto.htm).
Per il resto dell’itinerario, si vedano sopra le indicazioni sulla Francia.

 Una volta entrati nel territorio nazionale, gli interessati dovranno raggiungere la propria casa nel minore tempo possibile.

 Si suggerisce di portare con sé prova della propria provenienza estera (ad esempio carta d’imbarco, biglietto Eurotunnel) da presentare, in sede di controllo di Polizia, insieme al modulo di autodichiarazione, per proseguire il viaggio fino al proprio domicilio italiano.

Chi rientra in Italia dovrà comunicare l’ingresso nel territorio nazionale all’Autorità sanitaria (ASL) della località di destinazione finale, rispettando l’obbligo di isolamento fiduciario con sorveglianza attiva per 14 giorni (Art. 1 DM MIT – Min. Salute n. 120/2020). Il decreto si applica a tutte le persone in entrata in Italia, tramite trasporto aereo, ferroviario, marittimo e stradale, anche se asintomatiche.

La sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario non si estendono ai componenti del nucleo familiare eventualmente già presenti in Italia

L’isolamento può essere trascorso anche in un luogo diverso dalla propria abitazione, scelto dall’interessato.

In caso di insorgenza di sintomi COVID-19, vige l’obbligo di segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati.

Per ulteriori informazioni, contattateci inviando una email a info@theitalianlawyer.com con oggetto “Coronavirus – rimpatrio”, o telefonando al seguente numero +44 (0) 20 71 80 22.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notify of